Blog > Cultura e Società > Cosa sanno Google e Facebook di noi?

Cosa sanno Google e Facebook di noi?

05/04/2018

Google e Facebook raccolgono molte delle nostre informazioni anche se non abbiamo mai effettuato configurazioni particolari o attivato qualcosa di specifico. Ma come fanno? Ecco tutti i dettagli.

Iniziamo con Google. Un account Google corrisponde sempre ad una mail (@gmail.com). Se anche solo possedete un dispositivo Android, possedete sicuramente un account Google. Questo può essere usato anche per accedere a Google Chrome su un PC.

Google salva una cronologia delle nostre posizioni. https://www.google.com/maps/timeline
Per ogni luogo è indicata una fascia oraria, e per gli spostamenti è indicato il mezzo di trasporto dedotto.

Google salva una cronologia di tutte le ricerche Google effettuate su tutti i dispositivi nei quali abbiamo effettuato l'accesso. Non solo: pagine aperte, applicazioni usate e per quanto tempo. https://myactivity.google.com/myactivity

Google crea un profilo pubblicitario per ogni account, usato per scegliere quali pubblicità mostrarci, basandosi su informazioni quali posizione, genere, età, hobby, interessi, eccetera. https://www.google.com/settings/ads

 

Youtube è di Google, e viene salvata tutta la nostra cronologia. Ciò comprende i video visti, le ricerche effettuate e i commenti aggiunti. Queste informazioni possono essere utili per tracciare anche il tipo di persona che siamo, gli interessi, se siamo interessati alla politica e in che area. https://www.youtube.com/feed/history/search_history

 

La famiglia di prodotti Google è però molto vasta, e più prodotti usiamo più la lista delle informazioni aumenta.
Se viene usato Google Calendar, Google possiede una lista di tutti i nostri appuntamenti, compresi i luoghi e le persone che abbiamo potenzialmente incontrato.
Se viene usato Google Photos, ecco che anche tutte le nostre foto sono sui server di Google.
Google Play Music? Anche la musica. Play Books? I libri. Play Movie? Insomma, avete capito.
Google Fit? Pure i passi che facciamo ogni giorno...
Abbiamo uno smartwatch? Potenzialmente anche i battiti del cuore.

E' possibile scaricare un archivio contenente tutte le informazioni che Google ha relative al nostro account. L'archivio pesa diversi GB, più o meno quanto alcuni milioni di documenti di Word. https://www.google.com/takeout

 

Passiamo ora a Facebook.
Anche Facebook offre la possibilità di scaricare l'archivio delle proprie informazioni personali. Pesa però "solo" qualche centinaia di MB.

All'interno si trovano tutti i messaggi inviati e ricevuti tramite la chat, tutti i propri post e le cose condivise.
Esiste anche qua un profilo pubblicitario, contenente quelli che potrebbero essere i nostri interessi.
C'è la lista di tutte le volte che ci siamo loggati in Facebook, con orario, tipo di dispositivo e, se disponibile, la posizione.

C'è la lista di tutte le applicazioni/servizi a cui abbiamo permesso di accedere alle nostre informazioni di Facebook. Questo può contenere informazioni importanti per dedurre i nostri interessi, se siamo stati single in un determinato periodo, quali sono le nostre marche preferite...

Anche in questo caso le informazioni sono usate per scegliere quali pubblicità mostrarci, in che momento, in che quantità, in modo da renderle il più efficaci possibile.

Paradosso di questa era: non permetteremmo mai al governo a ad un'azienda di installare videocamere e microfoni nelle nostre case, o dispositivi di tracciamento su di noi o sulle nostre auto, ma tutto ciò lo stiamo facendo da soli, perché ehi, voglio vedere filmati di gattini!

"This is one of the craziest things about the modern age, we would never let the government or a corporation put cameras/microphones in our
homes or location trackers on us, but we just went ahead and did it ourselves because fuck it I want to watch cute dog videos"

Tratto da Twitter: https://twitter.com/iamdylancurran/status/977559925680467968

 

Scritto da: Davide Magni